fbpx
Ostrich farming a high profitable business - Farm4Trade
folder_openAllevamento, Produzione

Allevare struzzi: un business altamente redditizio

Estimated reading time: 10 minute(s)

Origini dell’allevamento di struzzi

Lo struzzo (Struthio camelis) appartiene alla famiglia degli uccelli che non sono in grado di volare (Ratiti). Gli uccelli appartenenti a questa famiglia sono di taglia più grande se confrontati con tutte le altre famiglie di volatili.

L’allevamento degli struzzi fonda le sue origini in Sud Africa intorno al 1860 (Hastings, n.d). Tuttavia ci sono informazioni contrastanti in quanto diversi paleontologi ritengono che lo struzzo venisse allevato nelle steppe dell’Asia già durante l’Eocene circa 40-50 milioni di anni fa. Durante il XVIII secolo, gli struzzi furono vicini all’estinzione in quanto le loro piume erano ritenute molto preziose. 

Tuttavia nel XIX secolo, l’allevamento degli struzzi divenne molto popolare grazie agli ampi margini di profitto derivanti dalla vendita delle loro piume e quindi il numero di struzzi allevati tornò a salire velocemente.   

Caratteristiche della specie

Gli struzzi sono animali selvaggi, onnivori e la loro dieta si basa su piante grasse, semi, insetti e arbusti. Gli struzzi sono molto longevi, possono vivere dai 30 ai 70 anni. Gli esemplari maschi si distinguono dalle femmine in base al colore delle loro piume: le piume degli esemplari maschi sono di colore nero con delle sfumature di bianco sulla parte finale al contrario le femmine hanno delle sfumature di colore marrone o grigio.

Gli struzzi iniziano ad accoppiarsi all’età di 2-3 anni e depongono le uova tra Aprile e Agosto.

Gli struzzi possono essere suddivisi in cinque sottospecie

SpecieAltro nomeNome scientifico Origine
Struzzo Nordafricano
Struzzo dal collo rosso
Struthio camelus camelusNord Africa (Marocco, Sudan, Uganda, Etiopia, Egitto)
Struzzo MasaiStruzzo rosso del KenyaStruthio camelus massaicus Parte orientale dell’Africa (Tanzania, Etiopia, Kenya, Sud della Somalia)
Struzzo SudafricanoStruzzo dal collo neroStruthio camelus australis
Parte dell’Africa meridionale (Zimbabwe-Botswana, Namibia (lungo i fiumi Zambesi e Cunene e Sud Africa)
Struzzo Somalo
Struzzo dal collo bluStruthio camelus molybdophanesAfrica Orientale (Etiopia, Somalia e Kenya del Nord)
Struzzo dell’ArabiaStruzzo del Medio Oriente
Struthio camelus syriacus
Penisola araba, Siria e Iraq

Tuttavia lo struzzo dell’Arabia si è estinto e al giorno d’oggi solo 4 specie di struzzo sono ancora esistenti.

Le caratteristiche che rendono lo struzzo il miglior uccello da allevare:

  • Estrema adattabilità

Gli struzzi possono sopravvivere in condizioni durissime e raramente necessitano di stare all’ombra. Inoltre, le loro piume agiscono da isolante per limitare il calore derivante dai raggi solari (Shanawany, n.d). 

Possono sopravvivere anche bevendo quantità minime di acqua in quanto sono in grado di mantenere la loro normale temperatura corporea costante senza assumerne grossi quantitativi. Infine, possono utilizzare le ali per rinfrescarsi durante le stagioni più calde e per riscaldarsi durante l’inverno.

  1.   Ottimi predatori

Gli struzzi hanno un udito molto acuto e un ottima vista che gli permette di vedere fino a 12 km di distanza, per questo gli allevatori non devono prendere misure particolari per proteggere i propri animali (Shanawany, n.d; Abbas, 2018). Questi animali sono capaci di auto-difendersi dai predatori grazie al loro potente calcio e alle loro lunghe gambe con due artigli. 

Gli struzzi sono anche uccelli molto veloci essendo capaci di raggiungere una velocità di 70 km/h (43.5 mph), grazie alle loro ali che sono in grado di tenere l’animale bilanciato durante il volo (Abbas, 2018). Infine, sono capaci di distendersi al suolo.

  1. 3.   Prodotti dello struzzo
  • Carne: appartiene alla categoria delle carni rosse ha una bassa percentuale di grasso (3.0 g), colesterolo (83 mg) and calorie (142 KCal). La carne di struzzo è anche una buona fonte di ferro (3.2 mg) e proteine (26.9 %) (Iwuoha, 2013). 
  • Uova: le uova sono lunghe circa 15 cm e larghe 12 cm e possono arrivare a pesare anche 2 kg. Gli struzzi depongono tra le 15 e le 45 uova ogni stagione. Sono uova ricche di proteine considerando che un uovo di struzzo equivale a 25 uova di gallina. Inoltre si crede che le uova di struzzo siano in grado di proteggere le case dalla luce del sole e i loro gusci possono essere usati anche come recipienti per l’acqua, tazze o vasi. In aggiunta i gusci d’uovo vengono talvolta utilizzati per creare collane.
  • Piume: Le piume sono molto preziose e resistenti. Gli struzzi dovrebbero essere spiumati quando gli uccelli raggiungono i 60 kg o più (Engelbrecht, 2014). Le piume di struzzo sono usate per fare panni per spolverare, cappelli e decorazione per la casa.  
  • Pelle: La pelle di struzzo è di alta qualità essendo spessa, resistente e morbida. È spesso usata per fare borse, tappeti, vestiti, scarpe etc

Conclusione

L’allevamento di struzzi è molto più redditizio che allevare altri animali da fattoria tradizionali (bovini, capre, maiali, pesci, pollo e tacchino). Gli struzzi sono uccelli amorevoli, sono abbastanza facili da allevare e richiedono poca manutenzione da parte degli agricoltori.

Uno dei motivi per cui l’allevamento di struzzi è un’attività redditizia è il numero di oggetti di valore che uno struzzo può offrire; e molto poco va sprecato.

Referenze 

Abbas G., 2018. Ostrich farming. Retrieved from  https://www.researchgate.net/publication/322581843_ostrich_farming 

Engelbrecht A., 2014. Ostrich Manual.  www.elsenburg.com/sites/default/files/ebooks/2015-04-29/Ostrich%20Manual_English%20ed_%202014_content.pdf 

Hastings M.Y., n.d. A HISTORY OF OSTRICH FARMING – ITS POTENTIAL IN AUSTRALIAN AGRICULTURE. Retrieved from https://www.doc-developpement-durable.org/file/Elevages/autruches&Emeus/HISTORY%20OF%20OSTRICH%20FARMING%20-%20ITS%20POTENTIAL%20IN%20AUSTRALIAN%20AGRICULTURE.pdf 

http://www.nafis.go.ke/livestock/poultry-chicken/ostrich/breeds-breeding/ 

Iwuoha J-P. 2013. Ostrich farming – how this amazing business makes million for a Malian entrepreneur. Retrieved from  https://www.smallstarter.com/get-inspired/ostrich-farming-in-africa/ 

Kale S., 2018. Types of Ostriches. Retrieved from https://birdeden.com/types-of-ostriches 

Murchie J. 2008.Struthio camelus, the common ostrich. Retrieved from  http://tolweb.org/treehouses/?treehouse_id=4734 

Shanawany M. M., Recent developments in ostrich farming. Retrieved from  http://www.fao.org/3/v6200t/v6200T02.htm 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu