fbpx
Organic And Sustainable Farming
folder_openAllevamento, Produzione, Zootecnia

Principali differenze tra agricoltura biologica e agricoltura sostenibile

Estimated reading time: 11 minute(s)

Ci sono molte informazioni su internet sulle differenze tra agricoltura biologica e agricoltura sostenibile. Tuttavia, questa informazione non è sempre molto precisa e in alcuni casi può portare a disinformazione.

In questo articolo abbiamo deciso di concentrarci sugli aspetti più importanti  che differenziano questi due sistemi agricoli  e li analizziamo in profondità per evitare equivoci.

Certificazione

I prodotti biologici sono regolamentati e devono rispettare determinati standard per  la certificazione biologica . I prodotti biologici sono spesso sponsorizzati dal governo e diversi paesi hanno un organismo ufficiale che è responsabile della certificazione. Anche se le normative potrebbero differire all’interno dei paesi, sono tutte basate sulla  Federazione internazionale delle norme sui movimenti dell’agricoltura biologica per la produzione e la lavorazione biologica .

Sfortunatamente, la  sostenibilità non è un’etichetta , non richiede alcun processo di certificazione ufficiale e non può essere riconosciuta ufficialmente.

Uso di acqua ed energia

Si dice comunemente che una delle differenze è che l’agricoltura sostenibile persegue l’efficienza idrica mentre l’agricoltura biologica no, tuttavia questa affermazione non è completamente vera.

Mentre l’importanza dell’utilizzo efficiente dell’acqua è menzionata nelle Norme IFOAM, nel processo di certificazione viene prestata pochissima attenzione all’utilizzo dell’acqua. In altre parole, l’efficienza idrica è un principio di agricoltura biologica, ma gli agricoltori potrebbero ottenere la certificazione dei loro prodotti senza utilizzare l’acqua in modo efficiente. Oltre a ciò, nulla viene detto sull’uso di energie non rinnovabili (combustibili fossili) nelle fattorie.

La sostenibilità è una filosofia che descrive le azioni di protezione del pianeta che possono essere protratte a tempo indeterminato, senza causare danni all’ambiente, quindi  l’uso efficiente dell’acqua e l’uso di energia, i carburanti rinnovabili sono un must nell’agricoltura sostenibile .

Dimensioni dell’azienda

Si dice comunemente che le piccole fattorie sono più sostenibili delle grandi fattorie. Tuttavia, poiché le dimensioni del terreno non sono considerate parte dei requisiti per la certificazione biologica, le grandi aziende possono anche certificare i loro prodotti come biologici.

Dovrebbe essere capito che questa è solo una regola generale. Di solito le grandi aziende agricole sono meno sostenibili perché tendono a concentrarsi solo su un tipo di produzione (produzione vegetale o produzione animale) e di solito su una sola specie (produzione di grano, produzione di mais, produzione di bestiame …). L’agricoltura sostenibile e biologica implica la rotazione delle colture, integrando i sistemi di produzione di colture di animali … e questa è una pratica più comune nelle piccole aziende agricole. Inoltre, le grandi aziende agricole producono di più e potrebbero dover trasportare i loro prodotti molto lontano per la vendita, il che aggiunge un ulteriore consumo di carburante.

Tuttavia, deve essere chiaro che questa è solo una regola generale e ci sono luoghi in cui la capacità di carico è estremamente bassa e le aziende agricole sono necessariamente più grandi. Le fattorie più grandi che promuovono la rotazione delle colture, l’integrazione della produzione animale e vegetale, il riutilizzo dei rifiuti, ecc … possono essere anche sostenibili!

Benessere degli animali

Il benessere degli animali è considerato nell’agricoltura sia sostenibile che biologica. Tuttavia, ancora una volta, non tutti i prodotti biologici che hanno ottenuto la certificazione biologica potrebbero rispettare il benessere degli animali come dovrebbero. D’altra parte, nell’agricoltura biologica l’accesso all’esterno è essenziale, ma alcune aziende agricole potrebbero produrre il loro animale in modo sostenibile senza esporle all’esterno, mentre gli agricoltori biologici potrebbero non garantire la qualità dello spazio esterno fornito.

È stato dimostrato che il rispetto del benessere degli animali aumenta la produzione totale dal momento che stress e maltrattamenti hanno effetti negativi sulla produzione.

Ormoni artificiali e antibiotici

L’uso di ormoni artificiali  e antibiotici come promotori della crescita è vietato  in entrambi i sistemi. L’uso di antibiotici per curare le malattie è più limitato nell’agricoltura biologica in cui sono preferite le sostanze allopatiche e la medicina tradizionale.

Tuttavia, se è dimostrato che la malattia dell’animale non può essere curata con nessun altro metodo, è consentito l’uso di antibiotici sotto la sorveglianza di un veterinario.

Giustizia sociale

La giustizia sociale fa parte di un’agricoltura sia biologica che sostenibile. Si dice spesso che l’agricoltura biologica non tiene conto della giustizia sociale mentre l’agricoltura sostenibile lo fa. Questa frase non è ancora completamente verità. Poiché le operazioni di agricoltura biologica possono essere gestite da aziende e le attività agricole sostenibili sono comunemente gestite da piccole aziende agricole (comunemente l’intera famiglia), le persone tendono a pensare che l’aspetto sociale non sia considerato nell’agricoltura biologica. Tuttavia, diamo un’occhiata alla seguente frase tratta dalle Norme dell’INFOM: “La giustizia sociale ei diritti sociali sono parte integrante dell’agricoltura biologica. Il principio di equità dell’agricoltura biologica sottolinea che coloro che sono coinvolti nell’agricoltura biologica devono condurre le relazioni umane in modo tale da garantire l’equità a tutti i livelli e a tutte le parti coinvolte “,

Ancora una volta, non dobbiamo confondere i principi dell’agricoltura biologica con il processo di certificazione biologica.

Emissioni, trasporto, lavorazione e imballaggio

Come abbiamo detto più volte, il motto dell’agricoltura sostenibile è quello di sviluppare un sistema agricolo che garantisca che le attività possano essere protratte all’infinito nel tempo, quindi basse emissioni di gas serra, trasporto ridotto e  uso di materiali di imballaggio rispettosi dell’ambiente  sono un must in agricoltura sostenibile. L’agricoltura sostenibile incoraggia i prodotti venduti il ​​più vicino possibile al sito di produzione.

L’agricoltura biologica riguarda solo la lavorazione e l’imballaggio e incoraggia quelle tecniche e materiali che hanno un impatto negativo minimo sull’ambiente. Raccomanda anche di evitare il cloruro di polivinile (PVC) e l’alluminio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu